Come eliminare virus e batteri

Come eliminare virus, batteri e altri componenti nocivi nell’aria, nell’acqua, negli alimenti e negli ambienti con gli ozonizzatori

Generatore di ozono Domestico depuratore acqua e aria

 

L’argomento del quale ti parlerò oggi, non è assolutamente una novità anzi, è conosciuto da tempo, ma non è mai stato troppo pubblicizzato.

Sto parlando dell’ozono per purificare l’aria, l’acqua, gli alimenti e le superfici.

L’ozono, senza entrare in dettagli troppo tecnici, è un gas in grado di ossidare, quindi di uccidere, praticamente tutto, o quasi.

Proprio per questo, se usato correttamente, utilizzando dei generatori di ozono appositamente costruiti, questo gas è in grado di sanificare ambienti, interni di automobili ed altri mezzi di trasporto, acqua, cibi e ogni tipo di superficie, uccidendo, in breve tempo, virus, batteri, spore, muffe, lieviti, arsenico, solfiti ed eliminando praticamente ogni forma di vita.

Ovviamente, va maneggiato con cura e nel caso di cui ti sto parlando in questo post, si devono utilizzare solo piccoli generatori di ozono, costruiti per scopi domestici.

Un vasto assortimento di questi prodotti, che fra poco vedremo assieme, lo puoi trovare, ad esempio, su Amazon e fra questi, qui sotto, vedi quello che ho provato e del quale parlo in questo post.

 

Come funziona e come si usa

In questo tempo di Covid 19, l’argomento sanificazione è diventato di grande attualità e si moltiplicano le proposte per “ripulire” le automobili e gli ambienti domestici o di lavoro.

Vediamo quindi, come possiamo fare per sanificare la nostra casa, la nostra automobile, i nostri cibi.

Innanzitutto, diciamo che esistono tanti modelli di ozonizzatori, che si differenziano sostanzialmente per la quantità di gas che riescono a produrre ogni ora.

Si va da qualche centinaio di milligrammi (mg) all’ora fino alle decine di migliaia di milligrammi (mg) ogni ora.

Per la nostra attività, sarà sufficiente un modello qualsiasi, in grado di produrre fino a 600 milligrammi/ora di ozono.

I modelli in commercio, possono essere alimentati a 220 Volts, collegandoli ad una normale presa elettrica di casa, oppure funzionare tramite una batteria ricaricabile.

I modelli a batteria, sono più facilmente trasportabili e si prestano meglio per sanificare la nostra automobile.

Tutti e due, quello alimentato da rete elettrica a 220 Volts e quello alimentato a batteria, vanno bene anche per gli ambienti della casa, gli armadi con tanti vestiti e biancheria, le cantine dove si possono formare muffe, le soffitte, i garage.

Un’altro uso molto interessante, è la purificazione dell’acqua e degli alimenti, soprattutto quelli che possono contenere pesticidi, anticrittogamici o altri veleni e impurità.

L’utilizzo negli ambienti o nell’auto è molto semplice: si posiziona il generatore di ozono in un punto qualsiasi dell’ambiente, meglio se centrale, si chiudono porte e finestre quindi, lo si accende.

Durante il funzionamento NON BISOGNA SOSTARE NELL’AMBIENTE e il generatore va tenuto in funzione seguendo le indicazioni fornite dal produttore.

Terminata la sanificazione, bisogna spegnere il generatore di ozono e provvedere ad un abbondante ricambio d’aria.

Questo perchè, il potere fortemente ossidante dell’ozono può provocare irritazioni anche gravi.

Per quanto riguarda invece il trattamento dell’acqua, delle verdure o altri cibi, è importante scegliere un modello che abbia anche un attacco esterno al quale collegare un piccolo tubo erogatore che andrà immerso nell’acqua o nel contenitore del cibo – Vedi immagine e modello qui sotto.

Generatore di ozono Domestico depuratore acqua e aria

Anche in questo caso, sia per i tempi che per le modalità d’applicazione, dovrai attenerti alle istruzioni fornite dal costruttore.

 

Conclusioni

L’ozono, un gas abbondante in natura, può rivelarsi molto utile per sanificare la nostra casa, l’auto, il condizionatore dell’aria, l’acqua e i cibi; il tutto con l’impiego di un semplice e piccolo generatore dal costo molto ridotto.

E’ un’idea da tenere presente.

 

Buon lavoro!

La tecnologia e il viaggio, due facce della stessa medaglia: la scoperta

Share