Come proteggere il computer dai virus

Virus nei file e negli allegati di posta elettronica. Come proteggere il tuo computer dai virus informatici

Una delle situazioni per le quali vengo coinvolto più spesso è proprio quella dei virus informatici.

Credo di avere un virus nel mio computer!”  è l’affermazione che sento fare normalmente.

Le domande d’obbligo che faccio normalmente sono sempre le stesse:

  • cos’hai scaricato da Internet ?
  • hai aperto qualche allegato di e-mail senza sapere esattamente cosa fosse e chi te lo aveva inviato ?
  • hai per caso cliccato su qualche finestra popup che ti si è aperta improvvisamente navigando in Internet ?
  • hai installato qualche programma scaricato chissà da dove o che qualcuno ti ha dato ?

Questo, che ho elencato, è il modo classico con il quale si diffondono le varie forme di virus dei computer.

Alla base di tutto, fatta eccezione per qualche raro caso, c’è sempre una nostra attività, qualcosa che facciamo noi, involontariamente e senza saperlo.

Quindi, ciò che è importante sono i nostri comportamenti.

Non scaricare, aprire o installare mai ciò di cui non sei assolutamente sicuro

In altri, precedenti post, come QUI, ho parlato di situazioni simili, di come e cosa può succedere se non stiamo molto attenti e di cosa si può fare sia per prevenire sia per eliminare le minacce da virus e altro.
Se vuoi vedere anche altri post simili, fai una ricerca su OneSoftware con la parola virus oppure, clicca QUI.
Non tutto sarà esattamente in argomento, perchè ho trattato numerosi argomenti simili e casi che si possono verificare, ma puoi certamente approfondire e farti un quadro completo sull’argomento.

I tipi di minacce, la loro pericolosità e come si diffondono

Per affrontare bene l’argomento sarebbe utile conoscere nel dettaglio le varie minacce che possono infettare il tuo pc, ma dovrei scrivere un intero manuale quindi, di seguito ti elencherò solo le più importanti, aggiungendo qualche dettaglio minimo.

  • I Virus informatici sono dei piccoli programmi nascosti dentro una immagine, un filmato, un documento di testo, un documento PDF e altri tipi di file che puoi ricevere come allegati di posta elettronica o di una chat oppure, puoi scaricare da Internet. Appena apri questi documenti, questi file, il virus approfitta della tua azione e si installa sul tuo pc e lo infetta. Le conseguenze vanno dal furto di dati fino alla cancellazione di tutto quello che hai sul computer.
  • I Trojan Horse, o Cavalli di Troia, portano questo nome perchè il loro funzionamento ricorda il famoso cavallo di legno, con all’interno dei guerrieri Greci, che fu regalato ai Troiani i quali, lo portarono dentro la loro città… ecc… Il Trojan è un piccolo programma che si nasconde dentro un altro programma innocuo, ma infettato. Tu lanci il programma innocuo e il Trojan, come il Cavallo di Troia, fa uscire, non i soldati greci, ma dei pezzi di programma che aprono le porte del tuo computer ad attacchi esterni. Solitamente attuati da chi ha diffuso il Trojan. Quindi, un programma innocuo che ne contiene un altro dannoso. Anche questo programma innocuo può essere scaricato da Internet o ricevuto come allegato di posta elettronica o chat.
  • I Worm sono molto simili ai Virus e anch’essi si diffondo assieme agli allegati di posta elettronica o delle chat o altri sistemi minori. Ciò che li differenzia dai Virus è la loro capacità di replicarsi da un computer all’altro, diffondendo l’infezione e appropriandosi della tua rubrica di indirizzi di posta elettronica ed inviando messaggi infetti. Normalmente non causa danni eccessivi, ma può compromettere il normale funzionamento del computer.
  • Gli Spyware, come dice il loro nome, sono dei piccoli programmi che agiscono come delle spie. Anche gli spyware hanno bisogno di installarsi nel computer e anche loro possono utilizzare la tecnica dell’allegato di posta elettronica, ma possono anche essere installati da altri programmi o direttamente da persone. Lo Spyware è insidioso perchè tiene sotto controllo la tua attività, i siti web che visiti, le password che inserisci ecc… Ovviamente, può anche inviare questi dati alla persona che lo ha diffuso. Ultimamente, sono diventati molto noti gli Spyware installati sugli smartphone di persone poi spiate.
  • Altri Programmi, solitamente insospettabili. Parliamo di programmi che possono anche spacciarsi per utili o molto utili come, ad esempio, certi antivirus gratuiti e dalle caratteristiche eccezionali. Ma che sono, loro stessi, delle minacce informatiche.

Come difendersi

Come vedi, le minacce sono numerose, insidiose e subdole e i rischi che si possono correre possono essere gravi quindi, vediamo le azioni che possiamo mettere in atto per difenderci.

Queste sono le principali modalità di diffusione delle varie minacce:

  1. allegati di e-mail e chat, che necessitano di essere aperti per essere visti
  2. programmi installabili ed altri tipi di file scaricati da Internet o ricevuti da altre persone
  3. programmi che sembrano utili o innocui, ma sono dannosi
  4. finestre popup che appaiono improvvisamente durante la navigazione in Internet
  5. manomissioni da parte di estranei

L’elenco è ordinato in base alla frequenza con la quale si possono manifestare.

Vediamo adesso, con il solito aiuto di qualche immagine, come puoi fare per difenderti.

controllo-presenza-di-virus-windows-defender-analisi-file-salvataggio-allegati-e-mail

Innanzitutto, non aprire mai gli allegati di posta elettronica, ma ogni volta che puoi, scarica l’allegato e salvalo in una cartella possibilmente creata apposta per questo tipo di attività.

Creala dove preferisci, ma possibilmente in un posto del tuo disco che tu possa ricordare con facilità. Io l’ho creata sul Desktop.

Se per un qualsiasi motivo non riesci a scaricare e salvare l’allegato, aprilo solo se sei assolutamente sicuro di chi te lo ha inviato.

Per scaricare e salvare l’allegato numero uno, normalmente è sufficiente fare click con il tasto destro del mouse sull’allegato e selezionare l’opzione di salvataggio numero due.

Nell’immagine, vedi Thunderbird che mette a disposizione anche un apposito tasto Salva.


 

controllo-presenza-di-virus-windows-defender-analisi-file-controllo-allegato-e-mail

Dopo aver salvato il file numero uno nella cartella che hai creato e dedicato a questo tipo di attività, clicca sul file con il tasto destro del mouse e, nel menu che si apre, seleziona Analizza con Microsoft Defender.

Windows Defender deve essere presente e attivo sul computer

QUI trovi un precedente post nel quale descrivo come verificare la presenza di Windows Defender e come configurarlo.


 

controllo-presenza-di-virus-windows-defender-analisi-file-controllo-allegato-e-mail-esito-dellanalisi

E questo, che vedi nell’immagine, è il risultato dell’analisi dell’antivirus Defender numero uno.

Siccome il file è molto piccolo, l’analisi è durata 1 solo secondo e i sub file contenuti dentro il PDF analizzato, 9 sub file, non presentano minacce.

Questo metodo di controllo funziona anche per qualsiasi altro file, o cartella contenente diversi file, o supporto esterno, come, ad esempio, una memoria USB.

 

Vediamo adesso un esempio di verifica di un file molto grande, scaricato da Internet. Si tratta dell’ultimo, recente aggiornamento di LibreOffice. Un file di ben 302 MB.

controllo-presenza-di-virus-windows-defender-analisi-file-selezione-file-da-analizzare-1

Dopo aver scaricato il file da Internet dentro una cartella creata appositamente, l’ho cliccato con il tasto destro del mouse numero uno ed ho scelto Analizza con Microsoft Defender numero due nel menu rapido che è apparso.


controllo-presenza-di-virus-windows-defender-analisi-file-controllo-terminatoL’analisi del file è durata ben 14 minuti e 33 secondi, ma questo tempo dipende molto anche dalla potenza di calcolo del computer, e i file realmente analizzati sono stati 113404.

Questo perchè si tratta di un file compresso di tipo msi, come puoi vedere dalla sua estensione.

Anche in questo caso, l’analisi non ha rilevato minacce.

 

Anche le finestre popup, che compaiono all’improvviso durante la navigazione Internet e contengono messaggi allarmanti e sollecitano a cliccare su link e pulsanti o a scaricare fantomatici antivirus, richiedono il tuo intervento per attivare la minaccia.

Tu invece, in questi casi, non devi fare altro che premere contemporaneamente i tasti ALT+F4 della tastiera per chiudere senza danni la finestra popup. NON usare il mouse perchè potresti, per errore, avviare la minaccia.

 

Infine, gli Spyware. Anche questo tipo di minaccia si installa con un click su un allegato di posta elettronica o di chat oppure, aprendo una immagine o un video, sempre ricevuti per posta elettronica o chat o scaricati da Internet o tentando di installare un programma recuperato da fonti non certificate sicure.

Quindi, anche per gli Spyware valgono le stesse regole viste per i Virus, i Trojan, i Worm.

Attenzione e verifica con Microsoft Defender.

Conclusioni

Come hai letto e visto, le minacce più subdole arrivano sempre da file estranei che puoi ricevere dall’esterno: e-mail, chat, donload ecc… ma per diventare veramente ative hanno bisogno del tuo intervento.

Prima di attuare il tuo intervento, aprendo i file o lanciando le installazioni, verifica sempre che non contengano minacce.

Sempre su OneSoftware puoi trovare, aiutandoti anche con la ricerca diretta del sito, altri esempi e consigli su come tenere alla larga quasi ogni tipo di minaccia e come ripulire quelle eventualmente presenti.

Quindi, adesso che sai qualcosa di importante e utile in più, cerca di non farti trovare impreparato davanti ad ogni tipo di minaccia che puoi incontrare.

Come sempre, puoi iscriverti alla Newsletter di OneSoftware per rimanere sempre aggiornato sui nuovi post che pubblico.

Buon lavoro!

La tecnologia e il viaggio, due facce della stessa medaglia: la scoperta

Share