FaceApp – dove vanno a finire le mie foto e i miei dati personali?

48
views

FaceApp – mi sento tranquillo per le mie foto e i miei dati personali sullo smartphone?

faceapp

Qualche sera fa, sono stato ospite ad una cena di compleanno.

In quell’occasione, un amico mi ha parlato di FaceApp, che pare stia spopolando.

In realtà, non è una App nuovissima; ha già un paio d’anni, ma alcune recenti modifiche ed implementazioni, quali i filtri di invecchiamento, veramente molto efficaci e realistici, l’hanno riportata prepotentemente in auge.

Ho deciso quindi di scaricarla per provarla in modo scherzoso, con gli amici e le amiche.

L’installazione è stata rapida e, ovviamente, come molti fanno, non ho badato molto all’informativa sulla Privacy e ai Termini di utilizzo.

Ma la lucina s’è accesa, ed è rimasta sempre accesa finchè, non mi sono premurato di indagare più a fondo.

Chi c’è dietro FaceApp?

Quindi, sono andato sul sito web di FaceApp.

Ma non c’è niente su chi è, dov’è, com’è (legalmente parlando) la Società di FaceApp?!

Io, almeno, non l’ho visto!

I contatti sono tutti tramite E-mail.

Ma in basso, a destra, grigio scuro su fondo nero, ci sono due link: Privacy e Terms.

Proviamo a leggere Privacy

Effective date: January 20, 2017 e qui si vede che esiste fin dal gennaio 2017. Beh, niente di strano. Andiamo avanti e traduciamo in italiano per comprendere meglio:

Informazioni analitiche:

Utilizziamo strumenti di analisi di terze parti per aiutarci a misurare le tendenze del traffico e dell’utilizzo del Servizio. Questi strumenti raccolgono informazioni inviate dal tuo dispositivo o dal nostro Servizio, incluse le pagine Web che visiti, i componenti aggiuntivi e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il Servizio. Raccogliamo e utilizziamo queste informazioni di analisi con informazioni di analisi di altri Utenti in modo che non possano ragionevolmente essere utilizzate per identificare un singolo Utente specifico.

Comincio ad agitarmi un poco

Informazioni sul file di registro:

Le informazioni sui file di registro vengono automaticamente segnalate dal browser ogni volta che si effettua una richiesta per accedere (ad esempio, visitare) una pagina Web o un’app.

Beh, allora potresti (usiamo questa formula precauzionale) seguirmi nella mia navigazione web e salvarti questi dati!?

La ciliegina sulla torta

Se l’utente si trova nell’Unione Europea o in altre regioni con leggi che regolano la raccolta e l’uso dei dati che possono differire dalla legge degli Stati Uniti, si prega di notare che possiamo trasferire informazioni, comprese le informazioni personali, in un paese e giurisdizione che non hanno la stessa protezione dei dati leggi come giurisdizione.

In buona sostanza, e qualcuno mi smentisca se ho capito male, se io sono cittadino europeo e l’Europa ha una legislazione che mi tutela efficacemente, Loro si riservano il diritto di conservare e gestire i miei dati in un’altra Nazione con regole e leggi meno garantiste.

Io ho deciso cosa fare

Nel testo della Privacy Policy e in quello dei Terms of Use, sono ancora tante le informazioni che possiamo leggere; come ad esempio, il nutrito interscambio di dati e di permessi fra FaceApp e i suoi Partners, assieme ad un uso “intenso” di cookie ed altri sistemi “traccianti”.

Sinceramente, devo ammettere, è una pratica comune a tante App, ma non solo.

L’importante è saperlo, così da decidere con consapevolezza cosa fare.

Io ho già deciso cosa fare di FaceApp, ma essendo una decisione esclusivamente mia, la tengo per me! Sorry.

Dettagli finali

FaceApp è una società con sede negli Stati Uniti d’America, ma lo sviluppo è realizzato da:  “Wireless Lab OOO – 16 Avtovskaya 401 – Saint-Petersburg, 198096, Russia“.

Questo si legge nei Termini di utilizzo, il cui link ho riportato sopra.

Ma non è detto che, avere sede in Russia sia di per sè un fatto negativo.

L’importante è sapere dove vanno le nostre foto e i nostri dati e cosa ne fanno.

Per questo, sia per FaceApp che per tutte le altre App che installiamo sul nostro smartphone, ma anche sul nostro computer, il consiglio è sempre lo stesso: Leggiamo sempre e attentamente i Termi di Utilizzo e la Privacy.

Buon lavoro!