Truffe informatiche: il solito phishing tramite E-mail taroccate

I tentativi di frode tramite email false, che sembrano vere, proseguono incessantemente

Questo triste e, per certi versi, ridicolo fenomeno del phishing, del pescaggio, prosegue incessantemente e sempre con le stesse metodiche e gli stessi scopi: rubarci i dati personali, le credenziali di accesso ai servizi online per provare a guadagnarci qualcosa, rivendendoli o utilizzandoli per frodarci.

Io, personalmente, ne ho già ripetutamente parlato in più di un post, nella sezione FRODI INFORMATICHE.

Ne riparlerò, brevemente, anche in questo articolo perchè, nella mia posta elettronica mi sono ritrovato il messaggio che riporto qui sotto.

Questa è la email

truffa_identità_amazon_phishing_email

L’immagine parla da sola e in più, io ho aggiunto anche una didascalia che spiega, penso bene, la banalità della truffa.

A parte qualche piccolo errore di ortografia (identita …. puoportera) e una terminologia sicuramente “grezza” (…sul nostro sito nella sezione dedicata alle verifiche), quello che smaschera il tentativo di frode, senza ombra di dubbi, è il link associato al pulsante “PROCEDI”.

Non ha niente a che fare con Amazon la quale, oltretutto, non usa certo questo sistema per verificare la nostra identità e, soprattutto, fa queste verifiche nel momento in cui proviamo ad accedere al loro portale Amazon ufficiale.

Cosa dovresti fare

Quindi, come ho già detto in altri post precedenti: quando ricevi delle email con richieste di questo tipo, DIFFIDA.

Normalmente, nessuno ti chiede di fare verifiche di questo genere via email.

Al massimo, lo fanno quando tenti di accedere al servizio via web.

NON CLICCARE MAI su nessun link di queste email e, se proprio sei curioso, e fai bene ad esserlo, passa con il puntatore del mouse sui pulsanti o sui link che ti propongono di cliccare.

Vedrai così che, questi link rimandano sempre a indirizzi web “astrusi” o palesemente falsi.

Un’altra cosa che puoi facilmente fare, questa volta sul portale ufficiale di Amazon, è quella di provare ad entrare utilizzando le tue solite credenziali personali.

Vedrai che tutto procederà senza intoppi, senza bisogno di verifiche o che, se qualche verifica ti viene richiesta, per qualche particolare motivo, sarà Amazon stessa a proporti la soluzione, online.

Tornando quindi alla email truffa, il mio consiglio è sempre uno solo: cancellala in modo definitivo, anche dal cestino e non pensarci più; almeno fino alla prossima email truffa.

Buon lavoro!

La tecnologia e il viaggio, due facce della stessa medaglia: la scoperta

Share